Tweet
www.veledicarta.it
A TAvola con lo Chef

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

Vai all'elenco
degli articoli pubblicati
nella stessa rubrica
.
Li trovi nell'Archivio
divisi per anno
di pubblicazione.

 

Ultimi articoli  

Dieci anni fa l'elezione a icona delle bellezze del mondo

di Eugenia Sciorilli 

 

Scorcio dell'agglomerato urbano della città vecchia. (foto Visit Greece) Veduta aerea del porto marittimo. (foto Visit Greece) La spiaggia di Paleokastritsa. (foto Visit Greece) Il Canal d'amour in località Sidari. (foto Visit Greece)

Particolare delle formazioni rocciose del Canal d'amour. (foto Prefecture of Corfu) L'acqua cristallina della spiaggia di Agios Ioannis. (foto Prefecture of Corfu) La Fortezza Nuova, opera difensiva veneziana di XVI secolo. (foto Geoff Stefen/Unesco) Il campanile della chiesa di Saint Spyridon. (foto Corfù Turismo)

La terrazza del Palazzo dell'Achilleion. (foto Prefecture of Corfu) Un vicolo del villaggio di Gastouri. (foto Prefecture of Corfu) La villa neoclassica di Mon Repos sede del Paleopolis Archaelogical Museum. (foto Prefecture of Corfu)

La chiesa dei Santi Iason e Sosipatros in località Anemomylos, unico esempio di architettura bizantina dell'isola. (foto Prefecture of Corfu) Il Monastero diVlacherna e l'isolotto di Pontikonissi situati a sud della penisola di Kanoni. (foto Prefecture of Corfu) La Banda Filarmonica di antica tradizione corfiota. (foto Prefecture of Corfu)

Nel 2007 la città vecchia di Corfù veniva inserita dall'Unesco nel prestigioso elenco del Patrimonio Mondiale dell'Umanità, grazie a un affascinante intreccio di architettura e storia. Come si apprende dalle motivazioni della scelta, il millenario nucleo urbano dell'isola "si trova in una posizione strategica all'ingresso del Mar Adriatico e ha le sue radici nell'ottavo secolo a.C." e come altre importanti città portuali fortificate del Mediterraneo "costituisce un esempio architettonico di valore universale eccezionale sia nella sua autenticità che nella sua integrità".

Magnifico esempio di antica arte bizantina che si è amalgamata con l'architettura veneziana, caratterizzata da un alternarsi di stretti vicoli e spettacolari scorci sul mare, la città vecchia di Corfù è delimitata dalle due secolari fortezze che con le loro mura la circondano completamente. Le stradine di ciottoli, che si estendono quasi a forma labirintica, e le piazze lastricate, dominate da antichi palazzi in pietra, avvolgono i visitatori in un'atmosfera decisamente romantica e suggestiva, fino a condurli alla spettacolare Spianada, che separa la città dalla fortezza vecchia. Piena di spazi verdi, costeggiata da un lungo viale porticato, la Spianada venne creata al tempo del dominio veneziano - che riuscì a impedire all'Impero Ottomano di conquistarla, come invece avvenne per il resto della Grecia - e si rivela ancor oggi, a quasi quattro secoli dalla sua realizzazione, come uno dei luoghi più scenografici di tutta la Grecia. 

Lungo la parte occidentale della Spianada sorge uno degli edifici più celebri della città, il Liston. Costruito all'epoca dell'occupazione francese e progettato dall’ingegnere francese Lesseps che prese a modello una delle più famose vie di Parigi, Rue Rivoli, il Liston con il suo porticato è ancor oggi il centro della vita sociale di Corfù, grazie ai tanti locali che lo animano. Sulla Spianada c'è anche una significativa impronta della terza importante epoca storica dell'ultimo millennio dell'isola, quella legata alla dominazione inglese: a chiudere, infatti, l'intero lato nord è un elegante palazzo in stile neoclassico, noto come Palazzo dei Santi Michele e Giorgio o come Palazzo Reale. Costruito a picco sul mare nei primi anni dell’Ottocento dai governatori inglesi, attualmente ospita la civica Galleria d’arte e del Museo d’Arte Asiatica, che raccoglie oltre 10 mila pezzi raccolti in Estremo Oriente. 

Oltre alle splendide testimonianze storiche della città vecchia di Corfù, e ai suoi incantevoli scorci paesaggistici, quest'isola greca del Mar Ionio merita una visita anche fuori stagione per una ricca vegetazione, oliveti a profusione (retaggio dei veneziani che ne diffusero la coltivazione), baie stupende, dalla natura ancora selvaggia, e villaggi dove il tempo sembra essersi fermato. 


www.visitgreece.gr




 

 

 

 

 

Studio Placidi