Tweet
www.veledicarta.it
A TAvola con lo Chef

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

Vai all'elenco
degli articoli pubblicati
nella stessa rubrica
.
Li trovi nell'Archivio
divisi per anno
di pubblicazione.

 

Ultimi articoli  

 

Veniva pubblicato nel 1887 il libro "La Côte d'Azur" di Stéphen Liégeard.
Da allora, è così chiamata una delle più celebri regioni costiere del mondo


di Eugenia Sciorilli 

 

Il diario di viaggio di Stephen Liégeard, Editions des Régionalismes 2014. Il linea del tram Nizza-Monaco in servizio dal 1900 al 1929 in una cartolina d'epoca. (foto Musée Massena) Un'antica stampa fotografica della vecchia Nizza, conservata presso il Musée Massena. (foto Musée Massena) Il pittoresco porto di Nizza. (foto Eugenia Sciorilli)

L'elegante lungomare di Nizza, caratterizzato dalla Promenade des Anglais. (foto Eugenia Sciorilli) Place Garibaldi, una delle più suggestive del centro storico di Nizza, dominata dalla statua dedicata all'Eroe dei Due Mondi, nizzardo di nascita. (foto Eugenia Sciorilli) Uno scorcio della spettacolare Place Massena, con i palazzi dalle tinte pastello e i caratteristici portici. (foto Eugenia Sciorilli)

La splendida facciata dell'Opéra di Nizza, il teatro lirico che si affaccia sulla Promenade des Anglais. (foto Eugenia Sciorilli) Il Palazzo del Festival del Cinema a Cannes. (foto Ville de Cannes) Scorcio panoramico del porticciolo di Saint-Tropez. (foto Saint-Tropez Tourisme)

Particolare della Cappella San Pietro a Villefranche decorata da Jean Cocteau. (foto Villefrance Tourisme) Il giardino esotico a Eze Village. (foto Eze Tourisme) L'interno della Cappella dei Penitenti Bianchi a Menton. (foto David Rousseau/Menton Tourisme)

È avvenuto 130 anni fa il "battesimo" della Costa Azzurra, uno dei luoghi più iconici del mondo. Tutto ha inizio con la pubblicazione, nel 1887, di un libro intitolato "La Côte d'Azur" e firmato da Stéphen Liégeard, che dopo aver percorso negli anni precedenti la zona costiera del Mediterraneo compresa nel tratto fra Marsiglia e Genova si decide a raccontare in quelle pagine le sue esperienze di viaggio. 

Il titolo del libro di Monsieur Liégeard raccoglie l'entusiasmo generale, al punto tale che quell'affascinante territorio francese, la cui attuale delimitazione geografica parte da Cassis (Provenza) per arrivare fino al confine con la Liguria, abbandona il termine di "Riviera" per acquisire appunto la denominazione di Costa Azzurra.

Lo stile letterario di Liégeard è finemente poetico. Questa è, ad esempio, la sua presentazione della città di Nizza: "Nissa la bella si offre a noi, dolcemente distesa sotto le sue colline di aranci; è una squisita freddolosa che offre la sua spalla nuda alla carezza del sole, mentre con la punta del piede increspa lo specchio del mare". La frase tradisce un'impronta ottocentesca, ma ha un indubbio fascino... Da allora, Nizza è universalmente riconosciuta come la capitale della Costa Azzurra, mentre altre famose località, che attirano turisti da tutto il mondo, sono Saint-Tropez, Cannes, Juan-les-Pins, Antibes, Villefranche-sur-Mer, Èze, Monte Carlo, Menton.

Oltre a paesaggi spettacolari e a splendide baie e spiagge - di eccezionale effetto scenografico, a Nizza, la lunga distesa di spiaggia a ciottoli sovrastata dalla Promenade des Anglais - la Costa Azzurra ha legato la sua fama a un clima particolarmente salubre, che ha spinto soprattutto le popolazioni del Nord Europa, dall'Ottocento ai nostri giorni, a trascorrere soggiorni più o meno lunghi e persino a trasferirsi definitivamente in quella magica porzione del Sud della Francia.

L'autore del diario di viaggio che ha regalato a una delle più mitiche regioni costiere del mondo un altrettanto celebre appellativo nasce nel 1830 a Digione, per poi spegnersi nel 1925 a Cannes, dopo aver compiuto 95 anni (evento più unico che raro, a quell'epoca). Nel corso della sua lunga vita, oltre a essersi cimentato nella scrittura e nella poesia, Stéphen Liégeard si distingue nell'attività di avvocato e anche come uomo politico, fino a diventare Commandeur de la Légion d'honneur a pochi anni dalla morte. Ha fama di dandy, e ispirerà il personaggio del sotto prefetto in campagna allo scrittore Alphonse Daudet, che lo immortalerà in uno dei suoi racconti.


it.france.fr/it/da-scoprire/riviera-costa-azzurra


www.cotedazur-tourisme.com




 

 

 

 

 

Studio Placidi