Tweet

 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |


 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica




 

 

 

 

Un volume fotografico dedicato ai Filarmonici di Berlino,
Costa Crociere e i Borghi più belli d'Italia promuovono il patrimonio dell'Italia nascosta e un tour della più antica città dei Paesi Bassi, Dordrecht

a cura della Redazione di Travel Carnet

 

Focus sui Berliner Philharmoniker in un libro fotografico 

Moving Music, il libro firmato dalla fotografa Monika Ritterhaus dedicato ai Berliner Philarmoniker e al direttore Sir Simon Rattle. (foto Berlin Phil Media GmbH) Tutti i componenti dell'orchestra berlinese. (foto Berliner Philarmoniker) Sir Simon Rattle direttore stabile dal 2002. (foto Sebastian Hanel/Berliner Philarmoniker)

Il concerto di apertura di stagione 2017-2018. (foto Berliner Philarmoniker) Il coro e i fiati dell'orchestra. (foto Berliner Philarmoniker) Sir Simon Rattle dirige i violini al Luzern Festival 2017. (foto Berliner Philarmoniker)

S'intitola Moving Music (musica in movimento) ed è il nuovo libro fotografico completamente dedicato a una delle orchestre più celebri e apprezzate del mondo: i Berliner Philharmoniker, meglio noti in Italia come Filarmonici di Berlino. Grazie alle splendide immagini di Monika Rittershaus, questa orchestra dall'illustre storia ultracentenaria viene raccontata nel suo passato più recente, quello del periodo in cui Sir Simon Rattle è stato a capo dell'orchestra come direttore stabile e che è iniziato nel 2002.

La vita dei Berliner Philharmoniker è caratterizzata da momenti indimenticabili: nei vari momenti di un concerto, dietro le quinte, durante i viaggi delle numerose tournée in tutto il mondo. La fotografa Monika Rittershaus ha accompagnato l'orchestra e il suo direttore Sir Simon Rattle per molti anni e ha catturato 200 momenti speciali. Ora quelle suggestive immagini appaiono in un volume di 240 pagine, che presenta una prefazione di Eleonore Büning e un testo bilingue (tedesco e inglese).

Affascinante il contrasto degli attimi spettacolari di una performance dal vivo e la tranquilla concentrazione dei musicisti prima di un appuntamento musicale con il pubblico. Da ricordare che la Filarmonica di Berlino è un'orchestra fondata nella capitale tedesca nel lontano 1882, che è stata diretta da molti dei più famosi direttori d'orchestra del ventesimo secolo e che vanta una discografia sterminata; numerosi i premi ottenuti grazie alle sue eccezionali incisioni discografiche, tra cui vari Grammy Awards e Gramophone Awards. Tra i suoi direttori stabili, ricordiamo a puro titolo di esempio Wilhelm Furtwängler, Herbert von Karajan e Claudio Abbado. Dopo Rattle, alla guida dei Berliner Philharmoniker da 15 anni ormai, il nuovo direttore stabile di questa prestigiosa orchestra sinfonica sarà dal 2018 Kirill Petrenko, straordinario protagonista del panorama musicale di origini siberiane ma naturalizzato austriaco.

www.berliner-philharmoniker.de

 

I Borghi più belli d'Italia e Costa Crociere per promuovere l'Italia nascosta

Una veduta panoramica di Atrani, sulla Costiera Amalfitana, provincia di Salerno. (Foto I Borghi più belli d'Italia) Uno scorcio di Castiglione di Sicilia, provincia di Catania. (Foto I Borghi più belli d'Italia)

Uno scorcio di Civita di Bagnoregio denominata la città che muore, provincia di Viterbo. (Foto I Borghi più belli d'Italia) Veduta del nucleo storico di Seborga, provincia di Imperia. (Foto I Borghi più belli d'Italia)

Con la nuova iniziativa “I Borghi, patrimonio da scoprire e valorizzare”, la compagnia Costa Crociere e l’associazione che raggruppa I Borghi più belli d'Italia intendono promuovere ad un ampio pubblico internazionale il patrimonio artistico e culturale italiano ancora inesplorato, ma di particolare bellezza e valore. Dieci tra i borghi più belli diventeranno infatti meta di nuove escursioni organizzate, che saranno proposte ai crocieristi in arrivo nei porti italiani a bordo delle navi Costa.
Il progetto è in linea con il Piano Strategico del Turismo 2017-2021 definito dal MiBACT, che individua quali principi guida la sostenibilità, l’innovazione e l’accessibilità, e che ha dedicato il 2017 proprio alla valorizzazione dei borghi italiani. In quest’ottica le visite ai borghi saranno tour a piedi realizzati con il coinvolgimento attivo delle comunità locali, ed avranno l’obiettivo di proporre itinerari turistici alternativi davvero unici, che possano contribuire ad integrare queste preziose realtà nel sistema turistico del Paese.
I dieci Borghi inseriti nel programma (di cui nove appartengono all’Associazione), selezionati sulla base dei criteri di prossimità ai porti di scalo delle navi Costa, accessibilità e capacità di accoglienza dei borghi stessi, unicità dell’esperienza proposta per gli ospiti, sono: Seborga e Montemarcello in Liguria; Arquà Petrarca in Veneto; Orvieto in Umbria; Civita di Bagnoregionel Lazio; Locorotondo in Puglia; Castiglione di Sicilia, Montalbano Elicona e Salemi in Sicilia; Atrani in Campania.
Il nuovo programma di escursioni prevede il trasferimento in autobus dal porto in cui è ormeggiata la nave Costa sino al borgo, con assistenza del personale di bordo della compagnia. I rappresentanti locali provvederanno all’accoglienza e daranno supporto nelle attività legate alla scoperta del sito.Il walking tour nel borgo, disegnato con le singole amministrazioni locali, sarà orientato alla conoscenza delle sue principali attrazioni sul piano artistico e paesaggistico. I crocieristi saranno accompagnati da guide locali che ne racconteranno la storia e le tradizioni, promuovendo le attività legate all’artigianato e all’esperienza enogastronomica.

www.borghipiubelliditalia.it
www.costacrociere.it


Dordrecht, la città dai mille monumenti 

Panoramica dell'isola di Dordrecht. (foto Visit Holland) Scorcio di uno dei numerosi canali. (foto Visit Holland) Particolare della Goothoofdspoort, la porta della città vecchia. (foto Visit Holland) Escursione in battello attraverso i canali. (foto Visit Holland) Il Municipio in stile neoclassico. (foto Visit Holland)

La Grote Kerk, la Chiesa Grande nota per un carillon a 67 campanelli. (foto Visit Holland) Lo studiolo della Huis van Gijn, la casa del sindaco. (foto Hius van Gijn) Villa Augustus, la vecchia fabbrica oggi struttura alberghiera. (foto Visit Holland)

In una splendida zona ricca d’acqua, in cui scorrono i fiumi Merwede, Noord e la vecchia Mosa, sorge Dordrecht, la più antica città d’Olanda che vanta ben mille monumenti, musei e magazzini risalenti a secoli addietro, con vie commerciali ricche di attività che ricordano il fiorente passato di questa città costruita sull'acqua (www.kinderdijk.nl).

Visitando i porti interni, i monumenti e i musei di Dordrecht, è facile notare le tracce del ricco passato della città. Alcune attrazioni da non perdere sono la Grote Kerk (Chiesa Grande), la collezione di dipinti del Dordrechts Museum, gli arredi della vecchia dimora del sindaco 'Huis van Gijn' e il chiostro agostiniano 'Het Hof' del tredicesimo secolo. Assolutamente consigliata è anche la vista spettacolare sul punto di confluenza dei fiumi che si gode dal Groothoofd.

Una passeggiata a piedi è il modo migliore per scoprire Dordrecht, scegliendo per  esempio il 'Rondje Dordt', un itinerario ben segnalato che tocca porti interni, monumenti, importanti siti storici e attraenti vie dello shopping. Un altro modo per scoprire la città è percorrere in barca il Dordtevaar per vedere i porti antichi e ammirare il passato acquatico della città, con gli antichi magazzini, gli scorci suggestivi e i suoi particolari ponti.

Dordrecht, oltre a trovarsi nei pressi del parco nazionale De Biesbosch e dei famosi mulini della Kinderdijk, è anche situata in una zona che spesso ha segnato il confine tra terra e acqua, ed è stata fin dagli inizi un'importante città mercantile con fiorenti attività commerciali nei settori del legno, del grano e del vino. La storia, la ricchezza e la cultura che ne hanno segnato il passato sono ancora ben visibili. Infatti il centro storico di Dordrecht conta circa mille monumenti, alcuni dei quali sono stati sapientemente convertiti in ristoranti, musei o teatri.Un dettaglio storico di non poca importanza è che molti allievi di Rembrandt si recarono a Dordrecht per dipingere, spinti dalla bellezza della sua luce.

Alla fine di un’escursione a piedi o in battello, è possibile fermarsi a mangiare in uno dei monumentali edifici, tra cui la Energiehuis, la Huis Rodenburch o Villa Augustus, dove si può pernottare nell’antico serbatoio d’acqua sopraelevato.

www.holland.com

 






 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

http://www.holland.com,