Tweet
A TAvola con lo Chef

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


 

Nel nord della Scozia, un percorso di 4 giorni tra panorami spettacolari:
vedute della costa, castelli arroccati, magnifici esemplari di fauna marina

a cura della Redazione di Travel Carnet 

Alla scoperta di 119 miglia di imponenti scogliere, suggestive insenature e spiagge, affascinanti villaggi e meravigliose specie animali lungo l'inimitabile itinerario costiero dell'Aberdeenshire. Si può fare, se si hanno quattro giorni a disposizione e si raggiunge la porzione nord-orientale del territorio scozzese.

I dettagli dell'itinerario da St Cyrus a Portsoy

Giorno 1 
30 km - 4 soste

Le rocce di origine vulcanica nella St Cyrus National Nature Reserve. (foto Visit Scotland) Le rovine del Dunnottar Castle nei pressi di Stonehaven (foto Visit Aberdeenshire) Il villaggio di Stonehaven. (foto Kenny Lam/Visit Scotland)

Il primo giorno ci conduce presso alcune delle più straordinarie attrazioni dell'Aberdeenshire del sud. Per iniziare la giornata, una rinfrescante passeggiata nella St Cyrus National Nature Reserve, a seguire la visita delle meravigliose rovine del castello di Dunnottar, arroccato su una scogliera, e l'esploraziome del  suggestivo villaggio costiero di Stonehaven, dove si ha l'opportunità di gustare del pesce appena pescato.

Si può iniziare il viaggio da qualsiasi punto del percorso, tuttavia è consigliabile partire da St Cyrus nell'Aberdeenshire meridionale, dove si possono ammirare distese chilometriche di scogliere e dune di sabbia dorata. Una volta raggiunta la splendida National Nature Reserve di St. Cyrus, si ha occasione di avvistare falchi pellegrini, rare specie di fiori, farfalle e falene.


Giorno 2
17 km - 3 soste 

La spiaggia di Balmedie. (foto Visit Scotland) Colonia di foche a Newsburgh Beach nell'estuario del fiume Ythan. (foto Visit Aberdeenshire)

Tramonto sulla Cruden Bay Beach. (foto Visit Aberdeenshire) Slains, il castello che ispirò lo scrittore irlandese Bram Stoker per il romanzo gotico Dracula. (foto Visit Aberdeenshire)

Per il secondo giorno sono previsti paesaggi di rara bellezza, sulla costa a nord di Aberdeen. Ci si può immergere nelle splendide vedute di dune di sabbia a Balmedie, ammirando le foche crogiolarsi sull'estuario di Ythan, e successivamente sostare per il pranzo nella località costiera di Cruden Bay, scattando foto dell'imponente castello di Slains, che si ritiene abbia ispirato il Dracula di Bram  Stoker. Una volta raggiunto il castello (mantenendo una distanza di sicurezza!) da non perdere l'occasione di osservare il mare che corre veloce attraverso l'arco dei Bullers di Buchan, una fenditura a 30 metri di profondità, creata dal crollo di una grotta marina. Si possono avvistare uccelli rari, come pulcinelle di mare durante la nidificazione.

Giorno 3
47 km - 3 soste

Il faro sulla cima del Castello di Kinnaird. (foto Kinnaird Castle) Una sala del Museo dei Fari Scozzesi. (foto Museum of Scottish Lighthouses) L'abitato del villaggio di Pennan. (foto Visit Aberdeenshire)

Ad animare il terzo giorno sul percorso è l'esplorazione dei principali porti di pesca di Fraserburgh, prima di proseguire a est lungo la costa del Banffshire. Fraserburgh è il più grande mercato di molluschi in Europa e vanta un movimentato porto commerciale, dove si può gustare dell'ottimo pesce.

Sempre a Fraserburgh, imperdibile una visita dell'affascinante Museum of Scottish Lighthouses (Museo dei Fari scozzesi) che prevede un tour del Kinnaird Head Lighthouse, risalente al XVIII secolo. È il primo faro ad essere stato costruito sulla terra ferma scozzese ed è collocato in cima al castello di Kinnaird, risalente al XVI secolo. La giornata prosegue con un viaggio verso ovest, fino a Macduff. Su questo tratto di costa è possibile avvistare i delfini dalla riva o dai porti storici della zona, insieme a balene e focene. Lungo questo tratto ci s'imbatte anche in deliziosi villaggi di pescatori, come Crovie, che consiste di una singola schiera di case in riva al mare, e Pennan, che è servito da set del classico di Hollywood "Local Hero".

Giorno 4
17 km - 3 soste

Veduta aerea di Banff e Macduff. (foto Roddy Matheson/Aberdeen Council) L'edificio giorgiano della Duff House. (foto Visit Aberdeenshire) Una sala della Duff House. (foto Visit Aberdeenshire)

La cantina della Glenglassaugh Distillery. (foto Visit Aberdeenshire) Un ambiente del Portsoy Salmon Bothy. (foto Visit Aberdeenshire) Imbarcazioni tradizionali ancorate nel vecchio porto di Portsoy per l'annuale Scottish Traditional Boat Festival. (foto Portsoy Community)

L'ultimo giorno del percorso ci porta in tre delle cittadine più affascinanti dell'Aberdeenshire: Macduff, Banff e Portsoy. Le tre mete della giornata conclusiva di questo itinerario? L'acquario di Macduff, la meravigliosa Duff House di Banff, dimora giorgiana progettata dal celebre architetto scozzese William Adam, e l'intera località di Portsoy, che ospita uno dei più antichi porti d'Europa ed è una tappa del Banffshire Coast Harbour Trail. 

Dopo una sosta presso il Portsoy Salmon Bothy, che permette di scoprire la tradizione della pesca del salmone selvaggio in questo edificio finemente restaurato, ci si può dedicare ad altre imperdibili attrazioni di questo angolo di territorio scozzese: le maestose scogliere della RSPB Troup Head Reserve, ad esempio, oppure le spiagge di Banff Links e di Sandend, destinazioni assai amate dai surfisti, la Glenglassaugh Distillery e la spiaggia di Cullen. Portsoy ospita anche l'evento annuale dello Scottish Traditional Boat Festival, quando una serie di navi tradizionali, sia scozzesi che straniere, si radunano nel porto per celebrare la ricca tradizione marittima e culturale della regione.


www.visitscotland.com/it