Tweet

 

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

 

 

 

Un museo di Parigi ospita una mostra
dedicata alla pittrice americana

di Inge E. Blumenthal 


Mary Cassatt nel 1913 ritratta da Joseph Durand-Ruel. (foto Frick Collection/Frick Art Reference Library Archives) Il Castello di Beaufresne, residenza di Mary Cassatt dal 1894. (foto Les Amis de Mary Cassatt) Mary (a destra) in compagnia di Madame Durand-Ruel all'ingresso del Castello di Beaufresne. (foto Les Amis de Mary Cassatt)

Bambina su una poltrona blu, 1877-1878 circa. (foto Washington National Gallery of Art/Musée Jacquemart André) Ritratto di Alexander J. Cassatt e suo figlio Robert Kelso Cassatt, 1884-1885. (foto Philadelphia Museum of Art/Musée Jacquemart André) Donna seduta con un bambino in braccio, 1889-1890. (foto Museo de Bellas Artes de Bilbao/Musée Jacquemart André) La prova, 1890-1891. (foto Mar Rosen Fine Art and Adelson Galleries/Musée Jacquemart André) Donna al lavabo, 1890-1891. (foto Mar Rosen Fine Art and Adelson Galleries/Musée Jacquemart André)

Bimbo in braccio alla madre, 1891. (foto Pennsylvania Academy of the Fine Arts/Bequest of Peter Borie/Musée Jacquemart André) Giovane donna mentre coglie frutti, 1892. (foto Pittsburgh Carnegie Museum of Art/Patrons Art Fund/Musée Jacquemart André) Nutrendo le papere, 1895 circa. (foto Paris, Bibliothèque de l?istitut National d'Histoire de l'Art/ Madre e figlio, 1899. (foto Metropolitan Museum/Musée Jacquemart André) Ritratto di Mademoiselle Louise-Aurore Villeboef, 1901. (foto Hervé Lewandowski/RMN-Grand Palais/Musée Jacquemart André)

Anche se Travel Carnet ha già proposto Mary Cassatt ai suoi lettori (numero di luglio 2014), torniamo a scrivere di lei grazie a una significativa mostra che in questi mesi viene accolta dal Museo Jacquemart-André di Parigi, e che rimane aperta fino al 23 luglio 2018. 

Il percorso espositivo, che rende omaggio alla grande artista, nata negli Stati Uniti ma vissuta in Francia per oltre 60 anni, s'intitola "Mary Cassatt. Un'impressionista americana a Parigi" e presenta ai visitatori l'evolversi della sua eccezionale creatività attraverso 50 capolavori, tra olii, pastelli, disegni e incisioni, riuniti per la prima volta in terra francese grazie a prestiti di prestigiosi musei americani ed europei e di collezioni private.

Questa mostra davvero importante per qualità di opere e di intenti, capace di mostrare l'iter artistico di Mary Cassatt a tutto tondo, affronta vari discorsi tematici con criterio cronologico, occupando cinque sale del museo parigino.

 

Sala 1 - La creazione di un'impressionista (1868-1879)

Le opere esposte in questa parte introduttiva della mostra mostrano le prime opere impressioniste più importanti di Cassatt e le pitture del decennio che hanno preceduto il suo incontro con Degas (1877), di cui diventò amica e che la invitò a unirsi al gruppo degli Impressionisti.

Sala 2 - Chi erano i Cassatt? (1880-1888)

Dal momento in cui Mary Cassatt adotta il metodo impressionista per dipingere la vita quotidiana, inizia ad usare i propri familiari come modelli principali. In questa sezione, i visitatori conoscono la sorella di Mary, Lydia Cassatt, e anche suo fratello Alexander, mostrato con il figlio più giovane, Robert, sua moglie Lois e la loro figlia Katharine, che all'epoca aveva diciassette anni. La famiglia, che era di discendenza ugonotta francese, era agiata, e permise a Mary Cassatt di viaggiare in Europa da giovanissima.

Sala 3 - Madre e figlio (1888-1900)

Mary Cassatt ha dipinto principalmente scene di donne e bambini per i primi due decenni della sua carriera. Questa sezione riunisce diversi esempi della sua prima esplosione di creatività, in cui si dedicava a diverse variazioni di una posa (come il bambino seduto sulle ginocchia della madre) in opere coerenti con il nuovo stile del simbolismo, che trova significato nella vita di tutti i giorni.

Sala 4 - Esperimenti (1890 e anni successivi)

Questa sezione della mostra è dedicata alle opere in cui viene rivelato il processo creativo di Mary Cassatt, che dopo aver scoperto l'Impressionismo, non solo ha avuto una maggiore libertà nella propria tecnica, ma ha appreso il fascino di ciò che non è finito. Queste composizioni venivano occasionalmente usate come schizzi preliminari per opere più monumentali, ma la maggior parte venivano esposte o vendute allo stato originale. Sia in olio che in pastello, le lunghe linee e i tratti visibili mostrano l'artista che pensa e cambia idea mentre sviluppa la composizione dal centro verso l'esterno.

Sala 5 - Modernità (1892 -1915)

Mary Cassatt è nata in una generazione che ha visto grandi passi avanti per le donne di tutto il mondo, e lei stessa era convinta che la donna moderna fosse una donna pensante, meritevole di più diritti e maggiore rispetto. Dopo il 1900, le veniva spesso chiesto di fare ritratti dei figli di sue amiche, i cui enormi cappelli irradiano il colore e la luce dei pensieri di quei bambini contemplativi, che rappresentavano il futuro del mondo moderno. Con la mostra allestita a New York nel 1915, che ospitava sue opere insieme a capolavori di Degas e di altri grandi maestri e che servì a sostenere il movimento di suffragette americane capeggiato dalla sua amica Louisine Havemeyer, Mary Cassatt coronò una vita di azioni private che dimostrarono il suo sostegno ai primi movimenti femministi del XX secolo.

www.musee-jacquemart-andre.com

 







 

 

 




 



 



 

 

A Tavola con lo Chef