Tweet
www.veledicarta.it
A TAvola con lo Chef

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

 

 

Vai all'elenco
degli articoli pubblicati
nella stessa rubrica
.
Li trovi nell'Archivio
divisi per anno
di pubblicazione.

 

Ultimi articoli  

 

Da 40 anni il più famoso parco nazionale degli Stati Uniti 
è nella prestigiosa lista dei luoghi iconici del pianeta 

a cura della Redazione di Travel Carnet  

 

Veduta aerea dell'Upper Geyser Basin. (foto Jim Peaco/Yellowstone National Park Service) Paesaggio nei pressi del Monte Everts. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) L'Electric Peak visto dal Bunsen Peak. (foto Jim Peaco/Yellowstone National Park Service)

Un tratto del Lewis River affluente principale dello Snake River. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) Le Colonnade Falls sul Bechler River. (foto Diane Renkin/Yellowstone National Park Service) Ramo sudorientale dello Yellowstone Lake. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) Tramonto sul Firehole Lake. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service)

Bisonti sul Rose Creek nella Lamar Valley. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) Il mantello bianco candido di una femmina di lupo della coppia alpha. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) Un giovane orso Grizzly, sottospecie dell'orso bruno. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service)

Esemplare di lince rossa in livrea invernale sul Madison River. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) Fioritura di nuphar lutea, ninfea gialla. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) Una mahonia aquifolium detta uva dell'Oregon presente nella parte sudorientale dello Yellowstone Lake. (foto Diane Renkin/Yellowstone National Park Service)

Giro turistico del parco a bordo di una vecchia diligenza. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) Canoe sullo Yellowstone Lake. (foto Neal Herbert/Yellowstone National Park Service) L'atrio dell'Old Faithfull Inn, grande locanda inserita nel Registro Nazionale dei Luighi Storici.. (foto Jim Peaco/Yellostone National Park Service) Un alloggio del Lake Lodge Cabins, struttura ricettiva aperta nel 1920. (foto Jody Lyle/Yellowstone National Park Service)

Nel 1978, gli esperti dell'Unesco chiamati a presentare la lista annuale del Patrimonio dell'Umanità scelsero, tra i dodici siti eletti, anche il Parco Nazionale di Yellowstone, negli Stati Uniti. A distanza di 40 anni da quella scelta, vi proponiamo le motivazioni che hanno portato il più famoso e spettacolare parco nazionale del Nordamerica a far parte del patrimonio universale.

Yellowstone, le ragioni di una scelta 

Il Parco Nazionale di Yellowstone, posto nell'angolo nord-occidentale dello Stato americano del Wyoming e sconfinante in piccola parte anche nel Montana e nell'Idaho, è una spettacolare area protetta che mostra significativi fenomeni e processi geologici, ma è anche una manifestazione unica di energia geotermica, bellezze naturali ed ecosistemi selvaggi, in cui riescono a prosperare specie rare e persino in via di estinzione. 

Oltre a rappresentare uno dei pochi grandi ecosistemi intatti rimasti nella zona temperata settentrionale del nostro pianeta, questo magnifico parco (fondato nel 1872) e le sue comunità ecologiche includono la più grande collezione al mondo di geyser, il Grand Canyon del fiume Yellowstone, numerose cascate e grandi branchi di animali selvatici. 

Yellowstone è uno dei siti più importanti al mondo per lo studio e l'apprezzamento della storia evolutiva della terra. Il parco ha un assemblaggio globale senza precedenti di attività geotermica superficiale, con migliaia di sorgenti calde, fanghi e fumarole e più della metà dei geyser attivi al mondo. Quasi 150 specie di piante fossili, che vanno da piccole felci e giunchi fino alla grande sequoia e molte altre specie arboree, sono state identificate negli abbondanti giacimenti fossili presenti nel suo territorio.

Tutta la flora del parco può progredire attraverso una successione naturale senza interventi dell'uomo. Gli incendi boschivi, se partiti da un fulmine, sono spesso autorizzati a bruciare dove è possibile per permettere agli effetti naturali del fuoco di affermarsi periodicamente. Il bisonte selvatico è l'unico esemplare rimasto di mandrie che un tempo coprivano le Grandi Pianure e, insieme ad altri animali selvatici, come l'orso grizzly, è una delle maggiori attrazioni per i visitatori, che lo frequentano soprattutto tra maggio e ottobre.

Secondo gli esperti dell'Unesco, il Parco Nazionale di Yellowstone è diventato uno dei principali rifugi del Nord America per specie vegetali e animali rare, oltre a fungere da modello per i processi dell'ecosistema. Uno dei suoi meriti più significativi dipende dal fatto che la protezione della flora e della fauna del parco, così come i processi naturali che influenzano la popolazione e la distribuzione, consentono all'evoluzione biologica di procedere con un'influenza minima da parte dell'uomo.


www.nps.gov/yell/


whc.unesco.org


 

 

 





 



 

 

 

 

 

Studio Placidi