Tweet

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

Forlimpopoli ospita la 23esima edizione
tra incontri, degustazioni, laboratori e spettacoli

 

a cura della Redazione di Travel Carnet   

 

La Rocca edificata dal cardinal Egidio Albornoz nella seconda metà del Trecento. (foto Comune di Forlimpopoli) La fortezza durante la Festa Artusiana. (foto Forlimpopoli Città Artusiana)

Casa Artusi al civico 31 di Via Andrea Costa. (foto Casa Artusi) Il cortile interno del Ristorante di Casa Artusi. (foto Casa Artusi) L'arco d'ingresso alla Festa Artusiana. (foto Festa Artusiana)

Folla di visitatori in Via Delle Cose Diverse. (foto Festa Artusiana) Gli stand gastronomici nella piazza centrale rinominata Piazza Pellegrino Artusi durante la festa. (foto Forlimpopoli Città Artusiana) Maurizio Camilletti e Rossella Reali vincitori del Premio Marietta Honorem 2019. (foto Festa Artusiana)

Il giornalista e divulgatore televisivo Carlo Cambi Premio Marietta Honorem 2019. (foto Festa Artusiana) I nocini di produzione casalinga in concorso a Casa Artusi. (foto Festa Artusiana) Il celebre libro di cucina di Pellegrino Artusi nell'edizione Giunti 2018. Il manifesto dei cinque giorni dell'Artusi Jazz Festival 2019.

Tornare alla cucina di casa, quella domestica, quella di una tradizione che è cultura e territorio, e non soltanto spettacolo come sembrano suggerire i tanti programmi televisivi che hanno come protagonisti chef e fornelli. Questo è il messaggio che intende lanciare la 23esima edizione della Festa Artusiana, prevista dal 22 al 30 giugno 2019 a Forlimpopoli, la località romagnola che ha dato i natali a Pellegrino Artusi. Nove giorni insieme ai protagonisti dell’enogastronomia nazionale, con degustazioni, incontri sulla cultura gastronomica, laboratori del gusto, concerti, spettacoli, mostre sul tema del cibo e una sessantina di ristoranti con menù della tradizione artusiana. 

Ad aprire questa nuova Festa Artusiana sarà un convegno sul tema "Cucina di casa domani", che riunirà i principali studiosi del panorama enogastronomico italiano.  L’incontro mette l’accento sul tema della cucina domestica, cuore dell’attività di Casa Artusi, e riflette sul ruolo effettivo (mutato e mutevole) che esso ha assunto e sta assumendo nella società contemporanea.

Casa Artusi, centro di cultura gastronomica che valorizza l’opera del padre della cucina domestica italiana, in occasione della festa si apre ai tanti visitatori con percorsi di conoscenza e degustazione. Nei nove giorni, tra le tante iniziative, propone gli "App-eritivi: App di buone letture e buon cibo", spazio ideale per presentare libri ed autori che parlano di cibo, sostenibilità, prodotti e territorio.

Com'è ormai tradizione, la città natale dell’Artusi torna ad omaggiare le "Mariette di oggi". Uomini o donne non fa differenza, l’importante è essere cuochi dilettanti animati dal sacro fuoco per i fornelli. Tutto questo è il Premio Marietta, il concorso nazionale promosso dal Comune di Forlimpopoli, in collaborazione con Casa Artusi e l’Associazione delle Mariette, dedicato alla celebre governante del gastronomo. Requisito indispensabile, la presenza di riferimenti alla cucina domestica regionale, la filosofia e l’opera dell’Artusi, tanto negli ingredienti quanto nella tecnica di preparazione e di presentazione. La ricetta vincitrice (tra cinque finaliste) sarà proclamata nella serata di domenica 23 giugno a Casa Artusi. 

Per i Premi Marietta ad Honorem, invece, si conoscono già i nomi dei vincitori: Carlo Cambi, apprezzato giornalista, uno degli antesignani dell’incontro tra cibo e turismo, insieme a Maurizio Camilletti e Rossella Reali, una coppia che ha fatto della difesa della tradizione la propria scelta di vita. Anche per loro la cerimonia di premiazione avrà luogo il 23 giugno, nella cornice di Casa Artusi.

Naturalmente, anche per quanto riguardo la ristorazione la Festa Artusiana ha sempre fatto una scelta di campo: per la tipicità e la qualità dei prodotti secondo lo spirito artusiano. Perché come scriveva il padre della cucina Italiana, bisogna sempre scegliere “per materia prima roba della più fine, ché questa vi farà figurare”. Una scelta che ribadisce nelle 60 attività ristorative presenti nel corso della nove giorni della kermesse, il cui menù contiene almeno una ricetta artusiana. Stessa filosofia nell’area mercato, dedicata all’artigianato enogastronomico, ai prodotti a km zero, quelli tipici, di stagione e del territorio legati alla cucina di casa, con le proposte di associazioni, aziende agro-alimentari, allevatori e piccoli artigiani.

Infine, gli spettacoli. Il cartellone propone oltre 50 appuntamenti di diverso genere, tra proposte teatral-gastronomiche, giocoleria, acrobazia e illusionismo, mimica, teatro per ragazzi, cantautorato e musica popolare di arte, musica di strada, allietano la Festa Artusiana. Tra le rassegne ospitate il rinnovato sodalizio con ArtusiJazz, organizzato dall’Associazione Culturale “Dai de Jazz” di Forlimpopoli, appuntamento imperdibile per gli appassionati e per tutti coloro che vogliono ascoltare dal vivo i nomi più importanti del panorama jazzistico italiano.


www.festartusiana.it


www.forlimpopolicittartusiana.it