| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

Vai all'elenco
degli articoli pubblicati
nella stessa rubrica
.
Li trovi nell'Archivio
divisi per anno
di pubblicazione.

 

 

 

 

 

 

Una scorribanda in auto d’epoca nella valle del Tevere


 

Testo e foto di Luisa Sodano

 

Un tratto della cinta muraria di Amelia. (foto Luisa Sodano) Porta Romana, uno dei sei accessi alla città ancora oggi utilizzato. (foto Luisa Sodano) La statua in bronzo di Germanico, politico e militare romano della dinastia giulio-claudia. (foto Luisa Sodano) Particolare della scena di Achille e Troilo nel rilievo della corazza del condottiero. (foto Luisa Sodano)

La facciata romanica della Collegiata di Santa Maria Assunta a Lugnano in Teverina. (foto Luisa Sodano) Il pronao della Collegiata. (foto Luisa Sodano) Unità e Fratellanza tra gli uomini indicate dalle due aquile scolpite su uno dei capitelli del portico. (foto Luisa Sodano) Volti umani con nastri alle orecchie scolpiti a simbolo di Ascolto e Obbedienza alla parola di Dio. (foto Luisa Sodano)

La navata centrale e la schola cantorum. (foto Luisa Sodano) Particolare del mosaico cosmatesco della navata centrale. (foto Luisa Sodano) L'ambone di destra per la lettura del Vangelo. (foto Luisa Sodano) I tre pannelli in mosaico dell'ambone di destra. (foto Luisa Sodano)

Germanico, chi era costui?

Per quanti come me ricordano poco la storia dell’antica Roma, questo nome al massimo evoca un qualche personaggio vissuto un po’ di anni fa. Difficilmente potremmo ricordare che fu un grande generale, adottato da Tiberio, candidato a essere imperatore e morto prematuramente in Turchia a soli 34 anni.

Ma perché tediarvi con questi dettagli storici? Perché ad Amelia, amena cittadina umbra, sono da poco iniziate le celebrazioni del bimillenario dalla sua morte (www.bimillenariogermanico.it). E perché proprio ad Amelia? Qui, nel pregevole museo civico archeologico, è custodita l’imponente statua bronzea di Germanico risalente al I secolo d.C., alta poco più di 2 metri e rinvenuta in frammenti nel 1963 un po’ fuori dalla cinta muraria antica (l’ho scoperta grazie al “Circuito … condito ad Arte” di cui ho parlato nell’articolo del mese scorso (www.retemuseiumbrialazio.it). Questo bronzo è davvero notevole per dimensioni, espressività e decorazioni, tanto da poter competere con mirabili esemplari della statuaria greca, quale il Pugile in Riposo che si può ammirare a Roma nel Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo, a due passi dalla stazione Termini.

L’allestimento multimediale di Germanico è particolarmente coinvolgente; un modo accattivante per far rivivere ai visitatori l’epopea del valoroso generale e il fascino del ritrovamento della sua statua. Bene dunque ha fatto la città di Amelia a dare risalto al bimillenario, in occasione del quale ci sarà anche la mostra multisensoriale “Germanico Cesare a un passo dall’impero”, che dal 10 ottobre 2019 si protrarrà fino al 31 gennaio 2020. Un’occasione più unica che rara per visitare questo piacevole centro, ricchissimo di siti di interesse artistico e naturalistico; per citarne solo alcuni, ricordiamo il settecentesco Teatro Sociale, tutto in legno al suo interno, e l’antica via Amerina, lungo la quale nel tratto da Amelia a Todi si snoderà la Transameria dal 6 al 9 giugno prossimi.

Spostandoci poi di una decina di chilometri, in uno dei “borghi più belli d’Italia”, Lugnano in Teverina (https://borghipiubelliditalia.it/project/lugnano-in-teverina/), ci attende un altro tesoro sconosciuto ai più: la romanica Collegiata di Santa Maria Assunta, sobria nelle sue armoniose proporzioni, allusiva nella sua simbologia medievale e impreziosita all’interno da elementi cosmateschi, dei quali il massimo esempio è il pavimento. Un gioiello da andare a scovare al centro di questo piccolo paese dov’è possibile lasciare un segno di sé, adottando una delle piante del Campo di Raccolta e Valutazione delle Risorse Genetiche di Olivo, la cui biodiversità, con oltre trecento varietà, è oggetto di studio del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Un dovuto omaggio a una delle più significative colture del bacino del Mediterraneo, che disegna il paesaggio e insaporisce la tavola della terra umbra e non solo.



www.umbriatourism.it










 

 

 

 

 

 

 

 

 





A Tavola con lo Chef