Tweet

 

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

   

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica

 

 

di Tony E. Martini  

 

Audrey Wilkinson Winery

I vigneti dell'antica Audrey Wilkinson Winery. (foto Audrey Wilkinson) Il salone del Mulberry Cottage, una moderna country house per otto persone. (foto Audrey Wilkinson) L'esterno del Dairy Cottage con vista sulla Hunter Valley. (foto Audrey Wilkinson)

Una delle due camere da letto del Dairy Cottage. (foto Audrey Wilkinson) La veranda del Oakdale Cottage, capienza sei persone. (foto Audrey Wilkinson)

Lo Shiraz 2017 aromatizzato alla rosa e alla viola. (foto Audrey Wilkinson) Il Verdelho 2018  aromatizzato al melone verde e alla pesca nettarina bianca. (foto Audrey Wilkinson) I migliori vini della Audrey Wilkinson inseriti nella prestigiosa guida 2019 Halliday Wine Companion. (foto Audrey Wilkinson)

La prima delle due tappe che proponiamo in questo numero è nella Hunter Valley:  è la regione vinicola più antica d'Australia e si trova a circa due ore d'auto a nord di Sydney. I primi vitigni della Hunter Valley furono piantati da alcune famiglie negli anni '20 del XIX secolo, motivo per cui la regione è una delle più antiche in quanto a tradizione vinicola.

L'azienda vinicola Audrey Wilkinson risale al 1866, anno in cui la famiglia Wilkinson acquistò l'attuale sito del vigneto, dopo aver studiato le tecniche di produzione vinicola in Francia e Germania. La cantina prende il nome da Audrey Wilkinson, che ereditò il vigneto all'età di 15 anni in seguito alla morte del padre e che si distinse per il suo palato eccezionale.

Oggi l'azienda vinicola Audrey Wilkinson produce vini artigianali utilizzando tecniche di produzione all'avanguardia. Le varietà prodotte, che hanno ottenuto numerosi riconoscimenti da oltre un secolo, sono: Semillon Sauvignon Blanc, Verdelho, Chardonnay, Rosé, Merlot, Cabernet Sauvignon e Shiraz. Nel museo ospitato all'interno della storica vecchia azienda si possono ammirare i tini originali e le attrezzature per la produzione del vino e delle botti.

L'ospitalità è offerta grazie a tre sistemazioni: il Mulberry Cottage, il Dairy Cottage e l'Oakdale Cottage, che regalano spettacolari viste panoramiche sui dintorni. Il vigneto Audrey Wilkinson si trova sulle colline pedemontane delle Brokenback Mountain Ranges e offre una vista a 360 gradi della Hunter Valley.

https://audreywilkinson.com.au/visit-us/


Chapel Hill Winery

L'insieme degli edifici della Chapel Hill Winery. (foto Chapel Hill Wine) La spaziosa Guest House tra gli alberi. (foto Chapel Hill Wine) Il grande salone della Guest House. (foto Chapel Hill Wine)

La camera matrimoniale Onkaparinga con vista sul giardino. (foto Chapel Hill Wine) La vendemmia. (foto Chapel Hill Wine) La sala degustazione. (foto Chapel Hill Wine)

Il Wine Garden. (foto Chapel Hill Wine) Il Bush Vine Grenache 2018, rosso corposo ottenuto da viti vecchie con piccoli frutti. (foto Chapel Hill Wine)

La seconda tappa ci porta nella McLaren Vale, una regione ricca di storia che si trova a circa 35 chilometri a sud di Adelaide. È la patria dell'industria vinicola dell'Australia Meridionale e può vantare una tradizione unica, caratterizzata da alcuni dei vitigni più antichi del mondo.

L'azienda vinicola Chapel Hill, che prende il nome dalla storica cappella in minerale di ferro costruita nel 1865, è stata fondata nel 1973, in seguito a una imponente ristrutturazione dell'antico edificio. Oggi Chapel Hill possiede e gestisce 44 ettari di vigneti e acquista l'uva da un gruppo selezionato di viticoltori di McLaren Vale e Adelaide Hills.

L'azienda produce le varietà Chardonnay, Shiraz, Grenache, Mourvèdre, Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Rosé, Tempranillo e Verdelho.

A pochi passi dalla cantina, la Guest House offre sistemazioni con panorami mozzafiato dalla Onkaparinga Gorge al Golfo di St. Vincent. Il ristorante propone i prodotti regionali della McLaren Vale, e sono anche organizzate lezioni di cucina. La proprietà confina con il bellissimo Onkaparinga National Park. Si può percorrere in canoa l'Onkaparinga, il secondo fiume più lungo dell'Australia Meridionale che termina in una splendida gola racchiusa da scogliere a strapiombo. Le acque dell'estuario offrono eccellenti opportunità di pesca, ma c'è anche l'occasione di scegliere tra i tanti sentieri escursionistici, dai più semplici a quelli più impegnativi.

https://www.chapelhillwine.com.au/guest-house/


www.australia.com











 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

<