Tweet
www.veledicarta.it
A TAvola con lo Chef

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai all'elenco
degli articoli pubblicati
nella stessa rubrica
.
Li trovi nell'Archivio
divisi per anno
di pubblicazione.

 

Ultimi articoli

 


Il 2019 coincide con i 100 anni di parco nazionale
e i 40 anni di sito Unesco 

di Eugenia Sciorilli 

 

 

L'arrivo del primo treno al Grand Canyon Village in una foto del 1901. (foto National Park Service) Carrozze a due cavalli per il giro turistico sulla Hermit Rim Road in un'immagine del 1911. (foto National Park Service) La Festa del Mulo del 1947 sulla cima del Bright Angel Trail. (foto National Park Service) Percorso di rafting lungo il fiume Colorado, 1964. (foto National Park Service)

Le rovine di abitazioni indiane Walhalla nel North Rim. (foto National Park Service) Il punto panoramico del Cape Royal Pine nel North Rim. (foto W.Tyson Joye/National Park Service) Veduta sul South Rim dalla Yavapai Observation Station. (foto National Park Service)

Arcobaleno sul South Rim visto dal Mather Point. (foto National Park Service) La Desert View Watchtower disegnata e costruita nel 1932 da Mary Colter. (foto National Park Service) Il soffitto della Desert View Watchtower dipinto dall'artista Hopi Fred Kabotie. (foto National Park Service) L'esterno dello storico El Tovar Hotel. (foto National Park Service)

La Hopi House, edificio del 1905 oggi punto vendita di artigianato e souvenir indiani. (foto National Park Service) La confluenza dei fiumi Colorado e Little Colorado. (foto National Park Service) La spettacolare cascata Deek Creek Falls fondamentale apporto d'acqua al fiume Colorado. (foto National Park Service) Erosione e levigazione delle rocce dovute a milioni di anni di scorrimento delle acque dei tributari del fiume Colorado. (foto National Park Service)

Una coppia di giovani bisonti nel North Rim. (foto Eric Hope/National Park Service) Esemplari di Opuntia nella varietà rossa, cactacea presente in abbondanza nel South Rim e nell'Inner Canyon. (foto Claire Baldwin/National Park Service) Fioritura del Sand Verbena pianta diffusa soprattutto nell'Inner Canyon e lungo le rive del fiume Colorado. (foto National Park Service) Il servizio di navetta sulla Hermit Road Red Route. (foto National Park Service)

Per il Parco Nazionale del Grand Canyon, nello Stato dell'Arizona, il 2019 non è decisamente un anno come tutti gli altri: festeggia infatti un centenario importante, quello della designazione a parco nazionale degli Stati Uniti (26 febbraio 1919), e i 40 anni dall'inserimento nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità, deciso dall'Unesco nel 1979.

Tra i parchi nazionali più visitati in territorio nordamericano, quello del Grand Canyon è anche tra i più affascinanti per i suoi eccezionali scenari naturali. La spettacolare gola che accoglie il corso del fiume Colorado si estende per circa 446 chilometri, con una profondità che raggiunge i 1600 metri e una larghezza che può variare dai 500 metri ai 29 chilometri. C'è un North Rim, la sponda nord, che prevede una chiusura stagionale (da dicembre a metà maggio) e c'è un South Rim, la sponda sud, che si può visitare tutto l'anno e dove si registra la maggiore concentrazione di visitatori.

Il Parco Nazionale del Grand Canyon custodisce memorie geologiche che risalgono fino a due miliardi di anni fa, ed è stato definito dagli esperti dell'Unesco "un rifugio ecologico", capace di ospitare specie di flora e fauna in via di estinzione. Uno dei percorsi più apprezzati per visitare il Grand Canyon è il South Rim Trail, che prevede diversi punti panoramici e anche un servizio navetta (Hermit's Rest Route, 75 minuti di percorrenza). 

Naturalmente, lo spettacolo delle rocce che cambiano di colore è una delle maggiori attrazioni del parco. Il Mather Point è forse il punto panoramico migliore al momento dell'alba, mentre per il tramonto andrebbe scelto l'Hopi Point, altrettanto suggestivo. Per chi volesse una vista a 360 gradi suggeriamo la Desert View Watchtower, una torre in pietra con terrazze circolari che permettono di osservare il magnifico panorama da ogni angolazione.

Un'opportunità per raggiungere il fondo del canyon è offerta dal Bright Angel Trail, che parte dal Grand Canyon Village (centro di raccolta dei visitatori) e conduce fino al fiume Colorado grazie a un tragitto di oltre 12 chilometri. C'è anche la possibilità di fare rafting lungo il corso del fiume, ma occorre prenotarsi con larghissimo anticipo, da un anno all'altro. Vengono pure organizzati giri in aereo e in elicottero, per una vista dall'alto davvero indimenticabile.


https://www.nps.gov/grca/index.htm