Tweet

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

Alla scoperta di una grande cucina orientale

 

a cura della Redazione di Travel Carnet  

Risaie nella zona di Chang Mai a nord del paese. (foto Turismo Thailandese) Il riso Tai, alimento principale della dieta thailandese. (foto Turismo Thailandese) Pesca nella provincia di Ubon Ratchathni nel nordest. (foto Turismo Thailandese)

Pasta di curry verde, pesto di peperoncini con galanga, citronella, scalogno tritato e spezie. (foto Turismo Thailandese) La tradizionale Som Tam, insalata di papaia verde. (foto Turismo Thailandese) Il Damnoen Sadouak, mercato galleggiante di Bangkok. (foto Turismo Thailandese) Il Tom Yam Kung, zuppa di gamberi agro-piccante. (foto Turismo Thailandese)

Il Pha Thai, tagliolini di riso saltati in padella. (foto Turismo Thailandese) Il Tom Kha Kai, zuppa a base di latte di cocco e pollo. (foto Turismo Thailandese)  La Yam Takrai, insalata di carne di maiale e gamberi con citronella, bergamotto, scalogno, aglio e peperoncini. (foto Turismo Thailandese) La Yam Nuea, carne alla griglia con spezie, zucchero e cipollotto fresco. (foto Turismo Thailandese)

Il Kai Phat Bai Kraprao, pollo saltato al basilico e peperoncini. (foto Turismo Thailandese) Il Sa Te, spiedini di pollo con salsa di arachidi e spezie. (foto Turismo Thailandese) Il Kaeng Khiao Wan Gai, bocconcini di pollo al curry verde. (foto Turismo Thailandese)

Famiglia in costume tradizionale alla raccolta di tè varietà Assam. (foto Turismo Thailandese) Bevanda di citronella con miele e un pizzico di sale. (foto Turismo Thailandese)

Alla base della gastronomia thailandese troviamo un abbinamento di cinque sapori fondamentali: piccante, dolce, aspro, salato e un pizzico di amaro che si contrastano e completano allo stesso tempo ed aggiungono gusto e consistenza ad ogni piatto. Inoltre, il latte di cocco, i frutti di mare e la frutta giocano un ruolo importante nelle sue ricette più rinomate.

Nonostante sia considerata come una sola cucina, può essere descritta meglio se viene effettuata una suddivisione in base alle quattro regioni principali: il Nord, il Nord-Est, il Centro e il Sud. Piatti famosi della cucina del nord includono Kaeng Hang Le (piatto tradizionale del maiale al curry), Khao Soi (spaghetti in brodo con curry e carne, conditi con fettine di scalogno e di limone), Sai-Ua (salsiccia locale con le spezie). 

Nella regione del nord-est le influenze dei vicini Laotiani sono notevoli in piatti come Som Tam (insalata di papaia verde), Lap (insalata piccante di carne o di pollo tritati), e Kai Yang (pollo alla griglia). Anche pesci e gamberetti di  fiume sono molto popolari.

La pianura fertile lungo il fiume Chao Phraya, il cuore della Thailandia, possiede diversi piatti con infuenze straniere. Per molti secoli, infiltrazioni culturali da Medio Oriente, Europa, Cina, Giappone, India, Persia e Portogallo hanno contribuito alla diffusione di pietanze che nei secoli si sono trasformate per essere adattate ai gusti dei thailandesi. I loro segni sono evidenti in vari piatti come Phat Phak Bung Fai Daeng (spinaci acquatici saltati), Kaeng Khiao Wan (zuppa di curry verde), o perfino il famoso Phat Tai (tagliolini di riso saltati). 

Nella regione del sud, che ospita famose località balneari, l'abbondanza di prodotti ittici - pesci, gamberi, aragoste, granchi, seppie, calamari e cozze - influenza la cucina locale. Aggiungendo il sapore amaro delle fave ‘Sator’ agli anacardi saltati con il pollo e peperoncini secchi, si ottiene quel gusto esotico tipico di tanti piatti del sud. Influssi della gastronomia malese, indonesiana e cinese possono essere ritrovati in ricette come Kaeng Massaman (pollo al curry leggero insaporito con cardamomo), Khao Yam Nam Badu (insalata di riso con il pesce), Kaeng Lueang (zuppa con curry giallo) e Sa Te (spiedini di pollo o maiale con la salsa piccante di arachidi).

Contrariamente a quanto avviene in Occidente, dove si è soliti consumare una sequenza di pietanze, in un tipico pasto thailandese è presente il riso con numerosi piatti complementari, che vengono serviti nello stesso momento. Reputato l’anima della cucina nazionale, il riso è la vita per i thailandesi ed è il cuore del pasto tipico. La verità è che il riso possiede un’importanza primaria nella cultura thailandese infatti, la frase “kin khao” tradotto alla lettera “mangiare il riso”, in realtà significa “mangiare” in senso lato.

Ma forse l'essenza della cucina autentica thailandese è raccolta nelle sue erbe e spezie. Per secoli, le erbe hanno contribuito a dare gusto ai piatti pregiati che riflettono il vero spirito della Thailandia. Quando vengono abbinate, aiutano ad arrivare all’equilibrio dei cinque sapori fondamentali thailandesi. Quelle di uso comune sono il basilico, il cardamomo, il peperoncino, la menta e il coriandolo. Altri ingredienti vegetali di largo uso sono i germogli di soia, la galanga (radice simile allo zenzero), il bergamotto, la citronella e il lime.


www.turismothailandese.it