| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Tweet
A Tavola con lo Chef

 

 



 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

Scarica l'artcolo in PDF

 

 

 

 

 

 

Vai all'elenco
degli articoli pubblicati
nella stessa rubrica
.
Li trovi nell'Archivio
divisi per anno
di pubblicazione.

 

Ultimi articoli

 


Padova ospiterà dal prossimo ottobre 
una grande mostra dedicata al grande artista  

a cura della Redazione di Travel Carnet  

 

Distese di fiori in Olanda, 1883 circa. (Foto National Gallery of Art Washington/Studio Esseci) La vecchia torre a Nuenenm 1884. (Foto Collection Kroller-Muller/Rik Klein Gotink/Studio Esseci) Testa di donna, 1884-1885. (Foto Collection Kroller-Muller/Rik Klein Gotink/Studio Esseci)

Autunno, paesaggio al crepuscolo, 1885. (Foto Utrecht Centraal Museum/Studio Esseci) Autoritratto con cappello di feltro grigio, 1887. (Foto Van Gogh Museum Amsterdam/Studio Esseci) Montmartre dietro il Moulin de la Galette, 1887. (Foto Van Gogh Museum Amsterdam/Studio Esseci)

Alberi da frutto tra i cipressi, 1888. (Foto Collection Kroller-Muller/Rik Klein Gotink/Studio Esseci) Ritratto di Armand Roulin, 1888. (Foto Museum Folkwang/Jens Nober/Studio Esseci) Mietitori, 1888. (Foto Musee Rodin–Jean de Calan/Studio Esseci) Il seminatore, 1888. (Foto Collection Kroller-Muller/Rik Klein Gotink/Studio Esseci)

Ritratto del postino Joseph Roulin, 1888. (Foto SIK–ISEA Zurich/Studio Esseci) Paesaggio con covoni e la luna nascente, 1889. (Foto Collection Kroller-Muller/Rik Klein Gotink/Studio Esseci) Paesaggio a Saint–Remy, 1889. (Foto Ny Carlsberg Glyptotek/Studio Esseci) Georges Seurat, Spiaggia di Bas–Butin a Honfleur, 1886. (Foto Collection du Musee des Beaux–Arts de la Ville de Tournai/Studio Esseci)

Paul Gauguin, Arlesiane, 1888. (Foto The Art Institute of Chicago/Studio Esseci) Camille Pissarro, Veduta dalla finestra, Eragny, 1888. (Foto Ashmolean Museum Oxford/Studio Esseci) Francis Bacon, Studio per un ritratto di Van Gogh IV, 1957. (Foto The Estate of Francis Bacon/Tate/Studio Esseci)

Dal 10 ottobre 2020 all'11 aprile 2021 il Centro San Gaetano di Padova, nel centro storico della città veneta, sarà un punto d'incontro per tutti quelli che amano l'arte di Vincent Van Gogh: è stato infatti scelto per ospitare un eccezionale percorso espositivo sul tema "Van Gogh. I colori della vita".

Il progetto dedicato a Van Gogh e il suo tempo si compone di una grande mostra e di un nutrito programma di eventi collaterali che ulteriormente si arricchirà nei prossimi mesi. Tutto ciò – unitamente agli apparati documentaristici che arricchiranno le sale della mostra a Padova con tre brevi docu-film da un quarto d’ora l’uno – costituirà il più grande progetto mai dedicato al grande pittore olandese in Italia. Secondo il senso di un largo approfondimento di carattere storico assimilabile a un vero e proprio romanzo, dove ai capolavori in esposizione si affiancano il racconto della vita, la scoperta di colori nuovissimi e la relazione con alcuni artisti che per Van Gogh hanno contato. E naturalmente gli incroci del destino, il senso ineluttabile di vita che scorre.

La mostra non ha nulla di generico e non è solo una sfilata di quadri, che pur in molti casi sono celebri capolavori. È invece un sorprendente percorso volto a far conoscere alcune trame della vita e dell’opera di Van Gogh non così affrontate finora, proprio per la volontà del curatore di ricostruire l’intero percorso, dagli anni della formazione vino alle drammatiche fasi finali della sua esistenza, includendo anche quanto di solito non viene compreso.

Ideata da Marco Goldin, che ne è il curatore, la mostra è promossa da Linea d’ombra e dal Comune di Padova, con la decisiva collaborazione del Kröller-Müller Museum, ed è divisa in cinque sezioni e sette approfondimenti all’interno delle sezioni stesse. Ai visitatori verranno proposte 125 opere in totale, di cui oltre 80 del solo Van Gogh tra dipinti e disegni equamente divisi. Saranno anche presenti circa 40 altre opere degli autori che hanno intrecciato il suo cammino, a volte indirettamente come Delacroix, Courbet, Millet o i giapponesi da Hiroshige a Kunisada, a volte direttamente come Seurat, Pissarro, Signac, Guillaumin, Bernard. Senza omettere, naturalmente, l’incontro fatale con Paul Gauguin, rappresentato in mostra da alcuni capolavori.



www.lineadombra.it