Tweet
www.veledicarta.it
A TAvola con lo Chef

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

 

Articoli pubblicati nella stessa rubrica   

 


a cura della Redazione di Travel Carnet   

 

A 46 Comuni italiani Le Spighe Verdi 2020

Veduta aerea di Esanatoglia, uno dei Borghi più Belli d'Italia in provincia di Macerata. (foto Comune di Esanatoglia) La spiaggia San Michele a Numana in provincia di Ancona. (foto Comune di Numana) Un angolo del borgo storico di Castagneto Carducci in provincia di Livorno. (foto Comune di Castagneto Carducci)

Pisciotta, piccolo comune situato a 200 metri sopra il livello del mare del Cilento in provincia di Salerno. (foto Italo Orlando/Infocilento) Uno scorcio della Riserva Naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile a Rivodutri in provincia di Rieti. (foto Comune di Rivodutri) Il giardino fiorito del Castello di Pralormo incluso nella città metropolitana di Torino. (foto Castello Pralormo)

L'abitato di Trebisacce in provincia di Cosenza, in primo piano la cupola di San Nicola di Mira. (foto Comune di Trebisacce) Un raro esemplare di cavallo selvatico con il suo puledro nell'Oasi di Sant'Alessio con Vialone in provincia di Pavia. (foto Oasi di Sant'Alessio) La chiesa di San Giacomo a Ragusa. (foto Terra Iblea)

Sono state assegnate anche per il 2020 le Spighe Verdi a quei Comuni italiani che si siano distinti nella promozione dell'agricoltura sostenibile, capace di valorizzare il territorio, rispettosa dell'ambiente e della qualità della vita. In tutto sono 46 Comuni sparsi in 13 regioni, secondo quanto annunciato da Fee Italia (Foundation for environmental education) e Confagricoltura, con predominio di Marche e Toscana. Tra gli indicatori considerati per la classifica ci sono innovazione in agricoltura, sviluppo sostenibile, uso del suolo, raccolta differenziata.

Ecco i nomi dei Comuni vincitori. Nelle Marche: Esanatoglia, Grottammare, Matelica, Mondolfo, Montecassiano e Numana. In Toscana: Castellina in Chianti, Massa Marittima, Castiglione della Pescaia, Castagneto Carducci, Fiesole e Bibbona. In Campania: Agropoli, Ascea, Massa Lubrense, Positano, Pisciotta. Nel Lazio: Canale Monterano, Gaeta, Pontinia, Rivodutri, Roccagorga. In Piemonte: Monforte d'Alba, Pralormo, Santo Stefano Belbo, Canelli e Volpedo. Nelle Puglie: Andria, Bisceglie, Castellaneta, Carovigno, Ostuni. In Abruzzo: Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Tortoreto. In Calabria: Santa Maria del Cedro, Sellia, Trebisacce. In Veneto: Caorle, Montagnana, Porto Tolle. In Umbria: Montefalco e Todi. In Liguria: Lavagna. In Lombardia: Sant'Alessio con Vialone. In Sicilia: Ragusa. 

www.feeitalia.org


La nuova edizione di Terra Madre Salone del Gusto

Il grano canadese Red Fife, Presidio Slow Food. (foto Archivio Slow Food) Il caprino del Planalto di Bolona nel Capo Verde, Presidio Slow Food. (foto Archivio Slow Food) Il Chuno bianco tradizionale del Perù, Presidio Slow Food. (foto Archivio Slow Food)

Terre Alte, pecore di razza frabosana roaschina in Piemonte, Presidio Slow Food. (foto Archivio Slow Food) Terre Basse, il cavolfiore di Moncalieri coltivato sulle colline a sud di Torino, Presidio Slow Food. (foto Archivio Slow Food)

Terre d'Acqua, la tonnarella di Camogli, Presidio Slow Food. (foto Konstantin Gebser/Slow Food) Terre e città, confetture in uno stand del Mercato della Terra di Bologna. (foto Giancarlo Donatini/Cineteca di Bologna)

Invertire la rotta sulla crisi ambientale, prima che sia troppo tardi. Su questo presupposto si basa la 13esima edizione di Terra Madre Salone del Gusto promossa da Slow Food, che a partire dall'8 ottobre 2020 e fino all'aprile 2021 propone un ricco palinsesto su una piattaforma digitale intorno al tema Our Food, Our Planet, Our Future, coinvolgendo l'intera rete Slow Food in 160 Paesi del mondo. L'edizione offline, invece, si terrà a Torino dall'8 al 12 ottobre 2020.

Nella nuova geografia di Terra Madre Salone del Gusto, il pianeta Terra non è un puzzle scandito da frontiere e confini, ma un insieme planetario di terreni fertili, acqua, aria, luoghi e relazioni fra viventi, ovvero gli ecosistemi. Di fondamentale importanza le Terre alte (regioni montane e collinari, con i progetti per la cura del territorio, la tutela del paesaggio, l’implementazione di servizi, il turismo sostenibile), le Terre basse (agroecologia come risposta all’agricoltura intensiva, alle monocolture, alla desertificazione; riduzione del consumo di carne, allevamenti sostenibili in alternativa a quelli intensivi e alla deforestazione), le Terre d’acqua (pesca sostenibile, tutela dei mari, degli oceani, delle acque interne e delle comunità costiere, lotta alla plastica e all’inquinamento), il rapporto tra Terre e città (orti urbani, mercati contadini, filiera corta, gruppi di acquisto, urbanizzazione sostenibile). L'obiettivo è analizzare le fragilità di ciascun ambito geografico rispetto al sistema alimentare e individuare proposte e soluzioni.

www.terramadresalonedelgusto.com