Tweet
www.veledicarta.it
A TAvola con lo Chef

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

 

Articoli pubblicati nella stessa rubrica   

 


a cura della Redazione di Travel Carnet   

 

L’autunno ai Giardini di Castel Trauttmansdorff

Il Castello e i Giardini di Trauttmansdorff a Merano. (foto Press Way) Passeggiata per i sentieri tra i giardini terrazzati. (foto Press Way) Fioritura autunnale di dalie gialle. (foto Press Way)

Lo stagno delle ninfee ai piedi del castello. (foto Press Way) Farfalle argo azzurre su un esemplare di aster. (foto Press Way)

I Giardini di Castel Trauttmansdorff, a Merano (Alto Adige), presentano in questa stagione autunnale non soltanto colori spettacolari - con tonalità che passano dal giallo all’arancione fino al rosso intenso - ma anche installazioni, cartelli e immagini che illustrano il tema di approfondimento scelto per quest’anno, la Biodiversità.

 I visitatori degli 80 ambienti botanici presenti in 12 ettari hanno l’opportunità di riflettere sull’importanza della diversità biologica, grazie ai molti spunti disseminati in tutta l’area dei Giardini. Ad esempio, sui blocchi di porfido all’ingresso e nel laghetto nei Boschi del Mondo sono presenti le “bombe di semi” di Officinadïdue, che ha appunto intitolato la sua installazione “Seed bombing” (bombardamento di sementi) per richiamare una pratica di riforestazione aerea in uso su territori piuttosto ampi colpiti da incendi, inariditi o deforestati. Realizzate in vetro soffiato, con all’interno dei semi di varia origine (fiori, graminacee, piante), sono vere sculture da appendere o da appoggiare al terreno o sull’acqua.

Gli “Insetti impollinatori su fiori” dell’artista Lorenzo Possenti, sculture precise nei minimi dettagli in formato XL, sono altri elementi di attrazione dei Giardini. Un’ape legnaiola su un fiore di cisto e una coppia di argo (farfalle) azzurre su un fiore di aster mettono in evidenza quanto l’interazione tra insetto e fiori durante l’impollinazione sia importante per la conservazione della diversità della flora e della fauna. 


www.trauttmansdorff.it


La classifica aggiornata dei “Luoghi del cuore” FAI

I saloni del Castello di Sammezzano a Reggello in provincia di Firenze. (foto FAI) Particolare delle volte a decorazione orientalista. (foto FAI) L'interno della grande cupola. (foto FAI)

Il Treno delle Meraviglie alla stazione di Breil. (foto FAI) Il tratto di ferrovia in Valle Roia a San Dalmazzo di Tenda. (foto Giorgio Stagni/FAI) Il treno in transito nei dintorni del comune francese di Saorge. (foto Federico Santagati/FAI)

Il Ponte dell'Acquedotto nei pressi di Gravina in Puglia. (foto FAI) Particolare delle arcate superiori del Ponte dell'Aquedotto di Gravina. (foto FAI) Veduta panoramica dell'abitato antico di Bergamo. (foto FAI)

La Collegiata Insigne di San Giorgio a Modica. (foto FAI) Una cappella della Collegiata di Santa Maria di Betlem a Modica. (foto FAI)

È stata aggiornata al 30 settembre 2020 la classifica dei “Luoghi del cuore”, campagna biennale promossa dal FAI - Fondo Ambiente Italiano. Il censimento, aperto fino al 15 dicembre 2020, permette a chiunque lo desideri di segnalare i luoghi da non dimenticare. Luoghi unici, speciali perché legati alla nostra identità e ai nostri ricordi, non importa se piccoli o grandi, famosi o sconosciuti. In seguito agli esiti della votazione, il FAI sostiene una selezione di progetti promossi dai territori a favore dei luoghi che hanno raggiunto una soglia minima di voti.

Al primo posto della classifica provvisoria, il Castello e Parco di Sammezzano, dimora storica sita a Reggello, in provincia di Firenze, a pochi passi dalla magnifica Foresta di Vallombrosa. Al secondo posto, la “Ferrovia delle Meraviglie” Cuneo-Ventimiglia-Nizza, che partendo dal Piemonte solca parte del territorio ligure per poi superare i confini dell’Italia e arrivare in Costa Azzurra. Al terzo posto, il Ponte dell’Acquedotto che si erge presso Gravina in Puglia, in provincia di Bari, all’interno del Parco naturale dell’Alta Murgia. Al quarto posto, la città di Bergamo, una delle città lombarde più ricche di fascino e storia. Al quinto posto, la Via delle Collegiate, che raggruppa tre antiche chiese del centro storico di Modica, in provincia di Ragusa. 

A quattro mesi dal lancio, la decima edizione della campagna “I Luoghi del cuore” ha raccolto circa un milione di voti. I risultati della classifica definitiva verranno pubblicati a febbraio 2021.

www.fondoambiente.it