Tweet
www.veledicarta.it
A TAvola con lo Chef

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai all'elenco
degli articoli pubblicati
nella stessa rubrica
.
Li trovi nell'Archivio
divisi per anno
di pubblicazione.

 

Ultimi articoli   

 

 


 

a cura della Redazione di Travel Carnet    

 

Il Rifugio Giorgio Graffer al Grostè nel comune di Ragoli. (foto Visit Trentino) La terrazza del Rifugio Doss del Sabion a Pinzolo. (foto Snowfood) La camera matrimoniale del Rifugio Solander a Prà del Lago-Monte Spolverino. (foto Solander)

Il ristorante dello storico Rifugio Alpino Capanna Presena al Passo del Tonale. (foto Visit Trentino) La terrazza panoramica a 360° del Rifugio Baita Tonda a Folgaria. (foto Baita Tonda) Il tipico arredo di montagna del Rifugio Stella d'Italia a Folgaria. (foto Stella d'Italia)

La camera matrimoniale del Rifugio Ciampolin a Canazei. (foto Ciampolin) La camera per bambini del Rifugio Ciampac ad Alba di Canazei. (foto Alba Ciampac) La sala colazioni del Rifugio Negritella a Pozza di Fassa. (foto Negritella)

I dolci fatti in casa del Rifugio Capanna Cervino a Passo Rolle. (foto Capanna Cervino) Il Rifugio Giovanni Segantini Val d'Amola ai piedi della Cima Presanella. (foto Mirco Viviani/Rifugio Segantini) Il Rifugio Passo Principe circondato dal Gruppo del Catinaccio. (foto Rifugi del Catinaccio)

La stube del Rifugio Rosetta situato sopra l'abitato di San Martino di Castrozza. (foto Rifugio Rosetta) La polenta con salumi e formaggio del Rifugio Potzmauer in località Grumes. (foto Potzmauer) Il particolare arredamento del bar del Rifugio Maria Sass Pordoi nei pressi di Canazei. (foto Visit Trentino)

La camera matrimoniale con balcone dello Chalet Fiat situato sulla cresta del Monte Spinale a Madonna di Campiglio. (foto Chalet Fiat) La sala del ristorante gourmet Stoppani a Madonna di Campiglio. (foto Rifugio Stoppani Campiglio) L'eccezionale posizione panoramica della Baita del Neff in località Monte Virgo Maria nel comune di Luserna. (foto Baita del Neff)

In Trentino sono una cinquantina le strutture aperte anche d’inverno dove è possibile pernottare, dopo aver trascorso la serata alla scoperta dei piatti tipici del territorio.

Le camere con vista sulle Dolomiti di Brenta sono prerogativa dei rifugi della skiarea di Madonna di Campiglio come il Giorgio Graffer sul Grostè o il Viviani sul versante di Pradalago, del Doss Sabiòn nella skiarea di Pinzolo, del Dosso Larici e del rifugio La Roda sulla Paganella e del Solander nella skiarea di Folgarida. Sopra Passo del Tonale, sul ghiacciaio della Presena si può dormire nel rifugio Capanna Presena, situato nei pressi della stazione intermedia della nuova telecabina che raggiunge Passo Maroccaro.

Lungo lo Ski Tour dei Forti sull'Alpe Cimbra, che sovrasta la località di Folgaria, si trovano i rifugi Baita Tonda e Stella d’Italia.

Nelle skiarea della zona dolomitica, dalla Val di Fassa alle Pale di San Martino, troviamo i rifugi Friedrich August, Des Alpes, Salei, Valentini, Ciampolin e Fredarola lungo le piste tra Passo Sella e Canazei. I rifugi Ciampàc e Buffaure si trovano invece lungo lo Ski tour Panorama, e sopra Passo Costalunga, ai piedi della Roda di Vaèl, il rifugio Paolina. E ancora il Negritella e il Ciampedie sopra Vigo di Fassa, Passo Lusia a Bellamonte, Capanna Cervino a Passo Rolle, ai piedi del Cimòn de la Pala.

I rifugi alle quote più elevate e lungo gli itinerari più classici aprono le porte agli scialpinisti, in modo continuato o in occasione dei weekend, a partire da marzo e fino a maggio. Sono in particolare i rifugi Cevedale “Guido Larcher” in alta Val di Peio, Stavel “Francesco Denza” e Val d’Amola “Segantini” ai piedi della Presanella, Mandròn “Città di Trento” e “Ai caduti dell’Adamello” nel gruppo dell’Adamello. Nella zona dolomitica si può invece fare affidamento sul rifugio Passo Principe nel cuore del Catinaccio, il Pian dei Fiacconi sulla Marmolada, il Rosetta “Giovanni Pedrotti” sull’Altopiano delle Pale di San Martino.

Ci sono, infine, rifugi che - aperti solitamente nei weekend dei mesi invernali - sono particolarmente adatti ai ciaspolatori. Qualche esempio? Il Potzmauer sui monti della Valle di Cembra, Malga Trivena in Val Breguzzo, Sette Selle in Val dei Mocheni, Malga Campo sopra Luserna, Alpe Pozza “Vincenzo Lancia” nel Gruppo del Pasubio, Altissimo “Damiano Chiesa” sopra Brentonico, Predaia “Ai todés-ci” in Val di Non e Gardeccia ai piedi del Catinaccio in Val di Fassa, “Lupi di Toscana” sull’altopiano dei Boniprati in Valle del Chiese.

Per chi è alla ricerca di scenari spettacolari, segnaliamo infine alcuni rifugi rinomati per le loro terrazze panoramiche. Immancabile in quest’ultimo elenco la “Terrazza delle Dolomiti” del rifugio Maria, ai 3000 metri del Sass Pordoi sopra Canazei. Sull’Alpe Lusia, all’arrivo della telecabina da Ronchi, troviamo lo Chalet Valbona, mentre a Passo Rolle c’è la storica Baita Segantini e proprio in vetta all’Alpe Cermis il ristorante Paiòn. A Madonna di Campiglio ecco la terrazza dello Chalet Fiat in vetta al Monte Spinale, quella dei ristoranti Boch e Stoppani sul Grostè, tutti raggiungibili comodamente con gli impianti, mentre a Pinzolo c'è il rifugio Prà Rodont. Meritano una sosta anche il Bondonero, sul Monte Bondone, il Dosson, nella skiarea della Paganella, e Baita Neff, sulle piste tra Lavarone e Passo Vezzena.

 

www.rifugi.visittrentino.info